Loading...

La Casa d'Amore

HOME > Territorio > Alberobello > La Casa d'Amore


Richiedi informazioni

Il nome dell'abitazione deriva dal suo proprietario Francesco D'Amore, che partecipò nel XVIII secolo alla rivolta di Alberobello contro la tirannia feudale. La casa, in segno di vittoria, fu costruita di fronte al palazzo del Conte, usando materiali fino ad allora proibiti: calce e malta. La prima pietra fu posta il 1° agosto del 1797, alcuni mesi dopo l'emanazione del Regio Decreto (27 maggio 1979) che consentiva agli abitanti di edificare con legante senza essere più costretti a costruire “a secco” e sottostare al vassallaggio dei Conti Acquaviva di Conversano. L'uso della malta permise alle maestranze locali di costruire una casa a due piani, quasi fosse stato un vero palazzo. La facciata è suddivisa a metà da un balconcino leggermente prospiciente incorniciato da un arco incassato. Sotto questo è incastonata una lapide murata tuttora visibile con la scritta in latino: "EX AUCTORITATE REGIA - HOC PRIMUM ERECTUM A.D. 1797" (Per deliberazione regia questa casa è stata la prima costruita a calce). Il tetto èdelineato da due falde spioventi mozzate, forse un tempo doveva essere a punta, a cummerse, come si suol dire nel dialetto locale. L'interno del piano terra presenta un ampio vano con volta a crociera, con adiacente l'angolo focolare e il soppalco che delimitava il piano superiore. Da qui è possibile accedere alla cantina sotterranea, i cosiddetti sottani in dialetto. Per andare al piano superiore, dove ci sono ambienti angusti, si sale da una cala esterna. Per diverso tempo l'edificio è stato sede del Comune. La Casa d'Amore, data la sua importanza storica, nel 1930 è stata dichiarata monumento nazionale.

Informazioni
Casa D'Amore attualmente è sede dell’Assessorato al Turismo e al suo interno ospita diverse mostre di arte e di pittura.
 
Bibliografia
AA.VV., (1997), Alberobello, la città dei trulli, Sambuceto (CH), New Cards, 1 ed.
Martellotta, A. (2003), Alberobello, itinerario storico ed artistico, Lecce, Capone Editore, 1 ed.

offerte e news, no spam

Community