Loading...

La chiesa di San Rocco

HOME > Territorio > Locorotondo > La chiesa di San Rocco


Richiedi informazioni

Nel corso dei secoli Locorotondo ha avuto due chiese dedicate al Santo di Montpellier; la prima databile nel XVI secolo e la seconda, quella attuale, risalente al XIX secolo. La presenza storica di questa chiesa dimostra la forte devozione degli abitanti nei confronti di San Rocco meritevole di aver salvato di abitanti della città dal flagello della peste che imperterrito si abbatte sulla vicina Fasano fra il 1690 e il 1691. Da allora San Rocco fu eletto protettore della città, distinguendolodal santo patrono (san Giorgio) e tributandogli ugualmente grandi onori e festeggiamenti.
Nel 1804 fu abbattuto l’edificio sacro persistente per edificare sullo stesso luogo un nuovo edificio più grande a pianta centrale. La progettazione fu opera di Michelle Campanella, architetto oriundo di Locorotondo, che si ispirò per il nuovo edificio alle forme classiche del Pantheon di Roma. Successivamente nel 1872 fu ampliata di alcuni metri la parte anteriore che all'interno coincide con la cantoria.
L’attuale facciata si presenta molto semplice, infatti, è scandita da cornici e da lesene che nel secondo ordine si impreziosiscono di volute. Gli unici elementi che si distaccano dalla linearità della facciata sono le due lesene rotondeggianti che demarcano l’ingresso, serrato da un portale in bronzo con scene della vita del santo. Il timpano, contornato da una cornice dentellata, ospita al centro la statua del santo titolare dell’edificio. L’interno della chiesa è rifinito da vivaci tocchi cromatici e da decori in stucco, oltre che da un interessante patrimonio scultoreo e pittorico di grande effetto. In realtà del patrimonio della precedente chiesa non si è conservato nulla, fatta eccezzione solo per la statua di san Rocco in pietra che si trovava sull’altare della precedente chiesa e che ora è collocata sulla cima della lanterna all’esterno.

Informazioni
La chiesa è sempre aperta ed è facilmente accessibile.

Bibliografia
Guarella, G. (1985), La storia di Locorotondo nel manoscritto di Angelo Convertini, Locorotondo, Amministrazione Comunale di Locorotondo.
AA.VV. (1990), Ricerche per una storia di Locorotondo, a cura della Cassa Rurale Artigiana di Locorotondo.
AA.VV. (1991), Guida di Locorotondo, a cura della Cassa Rurale Artigiana di Locorotondo.

offerte e news, no spam

Community