Loading...

Chiesa san Francesco d'Assisi

HOME > Territorio > Ostuni > Chiesa san Francesco d'Assisi


Richiedi informazioni

Fu edificata nel XIV secolo su una zona donata a quel tempo all'ordine dei frati minori. Nella seconda metà del XVIII secolo, dopo il terremoto del 1743 che aveva profondamente lesionata la primitiva chiesa medievale fu rifatta dall'architetto ostunese, Gaetano Iurleo.
La facciata cerca di riprendere la scansione neoclassica del palazzo di città, ex convento francescano. In realtà l'elemento sobrio del neoclassicismo in molti punti si lascia addolcire dalle forme curvilinee e fantasiose del rococò. Sia le lesene che le modanature del portale, delle nicchie e della finestra bifora sono riccamente ornate da elementi naturalistici, da girali, da festoni e da conchiglie.
Pregevole è il fusto delle finestra bifora che, grazie ad un fantasioso intreccio di racemi, crea l'effetto sinuoso di una colonnina tortile. Nelle nicchie sono collocati i santi più rappresentativi dell'ordine francescano. Precisamente a sinistra è posta la statua di San Francesco con il lupo mentre a destra Sant'Antonio in atto caritatevole.
Il portale in bronzo fu realizzato dall'artista romano, Egidio Giarolo, nel 1985 e riproduce gli episodi più significativi della vita del santo di Assisi.
L'interno, strutturato a croce latina, è costituito da un'unica navata illuminata dalle otto aperture ovali della cupola. Fra i tanti manufatti meritano attenzione ildipinto della scuola di Luca Giordano, la statua lignea dell'Immacolata risalente al XVIII secolo, opera di Giacomo Colombo e gli altari marmorei realizzati dai fratelli Morgese, pugliesi, o dai maestri napoletani. Su tutti sovrasta quello maggiore caratterizzato da variopinti intarsi marmorei e da cornici mistilinee che si alternano a volute. In questo contesto, animate da grazie e da gentili movenze, appaiono i due angeli ceroferari, situati sui corni dell'altare maggiore, attribuiti a Sanmartino, scultore partenopeo del XVIII secolo.

La chiesa si affaccia nella splendida piazza Libertà.

Bibliografia
AA.VV. (2000), Guida di Ostuni, Lecce, Lecce, Congedo Editore, 1. ed.
Tanzarella, A. (1989), Ostuni ieri, Fasano (Br), Schena Editore.
Sozzi, A. (2008), Ostuni nella storia, Fasano (Br), Schena Editore.

offerte e news, no spam

Community